achabiano



agg.

Relativo al capitano Achab, protagonista del romanzo Moby Dick di H. Melville.





Non strettamente piratesco, ma quasi: Jack London, 'Il lupo di mare' (Mursia) alias Wolf Larsen, achabiano comandante di una goletta armata per la caccia alle foche: personaggio memorabile, rapace, canagliesco.
Sito: Google gruppi [22 luglio 2004]


Ad attirarmi è stata la copertina: difficile non riconoscere lo stile di Mignola e con quella malinconica figura di cacciatore achabiano gettata lì a mo' di esca non potevo non essere risucchiato dal maelstrom.
Blog: The library mouse [18 novembre 2009]


La sua lotta decennale col Cannibale, cantata pure da Enrico Ruggeri, ha un che di religioso, quasi di achabiano. Eppure, diversamente dal capitano di Melville il cui destino è la perdizione vincolata all’ossessione per il Leviatano sprofondante, Gimondi se l’è cattolicamente sfangata, facendo i conti con quel tanto di grazia divina che Merckx lasciava disponibile per gli altri, perfezionando la propria natura – molto tetragona, archetipo di bergamaschità – senza lagnarsi troppo e raccogliendo quel che c’era da raccogliere, cioè tante vittorie e l’immortalità (che è un buon modo di parafrasare ciclisticamente “il centuplo quaggiù e l’eternità).
Blog: L'ora di religione (Panorama) [29 settembre 2012]